1SlideACHEPUNTOok
20 Slide DANTE
18SlideLAUDATOok
21 Slide PIERINO LUPO
19 Slide SPARTITI&MANETTE
2SlideFARESTok
3SlideCALAMARIok
4SlideMISMASok1
5SlideVINTAGEok
6SlideDEBESTOPok
7 Slide RECITAL
11SlidePENULTIMIok
12SlideHOSEMPREFATTOok
15SlideSETTEMBREok
14SlideOETZIok
15SlideTUTANPAPUok
7SlideFRATELLIok
10SlideSIFAPRESTOok
8SlideLOZERok
9SlideMIRABILIAok
16SlideINCOSCIENZAok2
previous arrow
next arrow

Sacile (PN) – Don 26 Settembre 2021

Quando:
09/26/2021@20:30
2021-09-26T20:30:00+02:00
2021-09-26T20:45:00+02:00
Dove:
Teatro Zancanaro
Contatto:
Diocesi Vittorio Veneto

 

I Papu in “TUTTI SU PER TERRA”
Ispirato all’Enciclica “Laudato Si’” 

Sacile (PN)

Teatro Zancanaro
Viale Pietro Zancanaro, 26

ore 20.30

Informazioni e Prenotazioni
stilidivita@diocesivittorioveneto.it

 

 

di e con    Andrea Appi e Ramiro Besa

Suoni e luci  Alberto Biasutti

Scenografia  Stefano Zullo – Maria Paola De Francesco

 

Chi siamo? Da dove veniamo? Dove andiamo? Ma soprattutto: troveremo parcheggio in centro, visto che è giorno di mercato?
Domande talmente banali da entrare a far parte, più che di un manuale di filosofia, di un prontuario di barzellette. Eppure riassumono, meglio di tante altre, la curiosità dell’essere umano, la sua sete di conoscenza e il suo bisogno inesausto di avere delle risposte.
I due protagonisti di questo spettacolo, da bravi Bianco e Augusto della tradizione comica, in un futuro distopico in cui una politica dissennata ha portato il pianeta Terra alle soglie del tracollo, affrontano queste domande in modo completamente opposto, diligente e razionale il primo quanto istintivo e disincantato il secondo.  Alternando sconforto e speranza, tecnologia e misticismo, friulano e italiano, si rendono conto che solo la terza domanda, Dove andiamo? rimane aperta, consentendo loro libertà d’azione e allo stesso tempo obbligandoli ad una presa di responsabilità.
L’unica domanda alla quale sono ancora in tempo per cambiare la risposta.
L’unica possibilità che hanno di preservare loro stessi e i loro simili, essendo finito il tempo delle risposte da bar, dei negazionismi, dei sovranismi e delle intolleranze. Al momento presente, fatto tesoro del passato, si rendono conto che non gli rimane che il futuro.
Ma il tempo stringe, come un nodo scorsoio.
E il tempo non è un concetto filosofico. E’ tempo fisico, reale. Implacabile.
Che ci si creda o no. 

 

COME RAGGIUNGERCI