1SlideACHEPUNTOok
14SlideOETZIok
18SlideLAUDATOok
2SlideFARESTok
4SlideMISMASok1
12SlideHOSEMPREFATTOok
15SlideSETTEMBREok
7 Slide RECITAL
6 Slide DE BES TOP Ciclisti
5SlideVINTAGEok
21 Slide PIERINO LUPO
7SlideFRATELLIok
20 Slide DANTE
3SlideCALAMARIok
11SlidePENULTIMIok
15SlideTUTANPAPUok
10SlideSIFAPRESTOok
19 Slide SPARTITI&MANETTE
8SlideLOZERok
9SlideMIRABILIAok
16SlideINCOSCIENZAok2
previous arrow
next arrow

Rivignano Teor (UD) – 28 Gennaio 2023

Quando:
01/28/2023@21:00
2023-01-28T21:00:00+01:00
2023-01-28T21:15:00+01:00
Dove:
Auditorium Comunale
Contatto:
Comune Rivignano Teor
0432 773440

I PAPU in “Fratelli Unici”

RIVIGNANO TEOR  –  (UD)
Auditorium Comunale – Via J.F. Kennedy, 1

28 Gennaio – Ore 21.00

Informazioni e Biglietteria
da Lun- a Ven con orario 10.00-13.00
Tel 0432 773440 int. 2414 – cultura@comune.rivignanoteor.ud.it
Cel 353 4405844  Ven-Sab pomeriggio anche WhatsApp

 

 

Due fratelli si ritrovano davanti alla tomba del padre pochi giorni dopo la sua scomparsa. I loro caratteri così diversi, ancor prima dell’imprevedibilità delle vicende umane, li hanno divisi e tenuti lontani per molti anni. Ora però le contingenze li costringono ad un confronto davanti al quale appaiono impreparati, se non addirittura impotenti. Il pragmatico Andrea non riesce a trovare punti di contatto con l’etereo Ramiro e le invidie, i rancori e le incomprensioni di tutta una vita sembrano prendere il sopravvento. Sullo sfondo, sia quello scenografico che narrativo, la figura del padre, che nel corso della storia diventa via via sempre più definita fino a diventare il possibile trait d’union emotivo tra i due fratelli.

Fratelli Unici è un viaggio sentimentale alla ricerca del senso delle cose utilizzando gli strumenti più umani che abbiamo a disposizione: la memoria, gli affetti, l’ironia e la speranza. Il tutto al cospetto dell’unica uscita di scena con la quale prima o poi tutti ci dovremo confrontare. Una storia che acquista un originale valore aggiunto grazie alla scelta della chiave comica, sia nella scrittura che nell’interpretazione, per esprimere la complessità dell’esistenza e dei rapporti tra le persone. Ed è così che l’intera vicenda, comune ma mai banale, prende luce e si amplifica, raccontandoci un’umanità a volte goffa e divertente, a volte seria ma mai triste. Fino a diventare un surreale inno alla vita.

E, su tutto, una piccola grande domanda. Una di quelle che ci si porta dentro per tutta la vita: come si rende il peperone facilmente digeribile? Domanda alla quale forse solo la morte potrà dare risposta.

 

COME RAGGIUNGERCI