previous arrow
next arrow
Slider

San Vito al Tagl. – Gio 17 Settembre 2020

San Vito al Tagl. – Gio 17 Settembre 2020

Quando:
09/17/2020@20:45
2020-09-17T20:45:00+02:00
2020-09-17T21:00:00+02:00
Dove:
Auditorium H. Zotti
Contatto:
Punto di Informazione e Accoglienza Turistica
331  8224411

Per motivi organizzativi lo spettacolo
è stato spostato al giorno prima Giovedì 17 Set 2020

I PAPU  in  Ho Sempre Fatto così
atto unico con personaggi multipli in tema di salute e sicurezza sul lavoro

SAN VITO AL TAGLIAMENTO
Piazzetta Stadtlohn (antistante 
Auditorium H. Zotti)

ore 20.45

In caso di maltempo lo spettacolo si farà all’Auditorium H. Zotti

 

In occasione dell’apertura di una nuova sede ANMIL

Informazioni:

e-mail:   iat.sanvitoaltagliamento@gmail.com

tel. 0434 80251 
Orario ufficio
LUNEDI’, GIOVEDI’, VENERDI’  9.30 – 12.30 / 15.00 – 18.00
SABATO  E DOMENICA 10.00 –  12.30 /  15.00 -18.00

 

iPapu – Occhio di là!

di e con    Andrea Appi e Ramiro Besa

Suoni e luci  Alberto Biasutti

 

Il lavoro e la sua tutela; non sindacale nè giuslavorista ma fisica, fisiologica, sanitaria.
Il mondo del lavoro, dello sviluppo tecnologico, dei tempi e metodi, della ricerca e sviluppo di prodotti e materiali, messo a confronto con le idiosincrasie e le contraddizioni del diritto alla salute e alla incolumità fisica dei dipendenti.
Questi temi, disciplinati del Decreto Legislativo numero 81 del 9 aprile 2008, fanno da sfondo ad uno spettacolo che, senza reticenze né prese di posizioni aprioristiche, cerca di scandagliare i complessi rapporti tra il Lavoro come meccanismo di produzione di beni e le esistenze dei Lavoratori in questo frenetico e critico mondo occidentale nel terzo millennio.
Su tutto e su tutti l’occhio del Grande Fratello del Lavoro, che non prende più il nome di Padrone bensì di DDL, Datore Di Lavoro, più politically correct ma forse non meno inquietante, che controlla dipendenti, Responsabili della Sicurezza, RSPP e ASPP, nuovi Super Eroi emersi dal magma legislativo tutto italiano.
Come tutta italiana rimane la bassa considerazione nei confronti delle Leggi e delle Norme, il cui scopo andrebbe ben oltre la semplice tutela fisica, nel tentativo piuttosto di difendere la vulnerabilità e le fragilità di esseri umani al servizio di meccanismi che tendono a ottimizzarne le “prestazioni”.
Un viaggio nelle emozioni che non sfoglia vademecum legislativi ma che vuole semplicemente ricordare che il lavoro è, nei modi e nella forma, un do ut des non tra fornitori e prestatori d’opera bensì tra persone, con talenti e ambizioni diverse ma, comunque e sempre, con la stessa dignità.

 

COME RAGGIUNGERCI